Panda Kungfu – Calenzano 22 Febbraio 2015

No Comments
Panda Kungfu - Calenzano, 22 Febbraio 2015

Panda Kungfu – Calenzano, 22 Febbraio 2015

 

Una galleria di foto dei bambini (Wushu dell’A.S.D. Oriente) che hanno partecipato all’ultimo appuntamento del Panda-Kungfu a Calenzano, lo scorso 22 Febbraio.

 

2015-02-22 10.18.43
2015-02-22 10.18.58
2015-02-22 10.26.52
2015-02-22 10.27.01
2015-02-22 10.27.22
2015-02-22 10.27.34
2015-02-22 10.27.47
2015-02-22 10.27.58
2015-02-22 10.28.02
2015-02-22 10.29.18
2015-02-22 10.29.24
2015-02-22 10.29.33
2015-02-22 10.29.38
2015-02-22 10.29.47
2015-02-22 10.29.57
2015-02-22 11.40.17
2015-02-22 11.40.23
2015-02-22 11.40.36
2015-02-22 11.40.39
2015-02-22 11.40.59
2015-02-22 11.41.02
2015-02-22 11.41.05
2015-02-22 11.41.13
2015-02-22 11.41.18
2015-02-22 11.41.21
2015-02-22 11.41.22
2015-02-22 11.41.33
2015-02-22 11.41.49
2015-02-22 11.42.07
2015-02-22 11.45.45
2015-02-22 11.46.11
2015-02-22 11.46.16
2015-02-22 11.46.20
2015-02-22 11.46.51
2015-02-22 11.47.22
2015-02-22 11.47.24
2015-02-22 11.47.39
2015-02-22 12.09.01
2015-02-22 12.09.09
2015-02-22 12.09.18
2015-02-22 12.09.38
2015-02-22 12.53.31
2015-02-22 12.53.42
2015-02-22 12.53.49
2015-02-22 12.54.09-1
2015-02-22 12.54.16
2015-02-22 12.54.17-2
2015-02-22 12.54.20-1
2015-02-22 12.54.23
2015-02-22 12.54.25
2015-02-22 12.54.37
2015-02-22 12.54.39
2015-02-22 12.57.44
2015-02-22 12.57.51
2015-02-22 12.57.53
2015-02-22 12.58.30
2015-02-22 12.58.35
2015-02-22 12.58.45
2015-02-22 12.58.51
2015-02-22 12.59.06
2015-02-22 12.59.44
2015-02-22 13.00.10
2015-02-22 13.00.35
2015-02-22 13.00.46
2015-02-22 13.01.21
2015-02-22 13.01.29
2015-02-22 13.14.38
2015-02-22 13.43.45
2015-02-22 13.43.53
2015-02-22 13.44.00
2015-02-22 13.44.12
2015-02-22 13.51.30
2015-02-22 13.53.51
2015-02-22 13.55.10
2015-02-22 14.47.43
2015-02-22 14.47.47
2015-02-22 14.47.51
2015-02-22 14.48.00
2015-02-22 14.56.59
2015-02-22 14.57.07
2015-02-22 14.57.11

长拳 Changquan – corso di Changquan A.S.D. ORIENTE

No Comments
http://lulapollo.deviantart.com/art/Wushu-Beijing-178879556

http://lulapollo.deviantart.com/art/Wushu-Beijing-178879556

Il corso di Wushu presso l’A.S.D. Oriente è diviso in fascie d’età per la gestione ottimale delle classi, e si concentra sulla pratica del Wushu attraverso lo studio e l’apprendimento dello stile detto Changquan.

« L’origine del Changquan, che in cinese vuole dire “pugno lungo” si fa risalire all’imperatore Song Taizu. Le sue tecniche si trovano descritte nel trattato, sugli stili del Wushu, del Generale Qi Jiguang.

In epoca moderna il Changquan è diventato la disciplina nazionale più diffusa, seconda solo al Taijiquan, e la sua tecnica è stata codificata in forme chiamate Taolu. La particolarità principale del Changquan è costituita dai gesti ampi e distesi, i movimenti agili e rapidi, la mano si allunga per attaccare a distanza, il passo è veloce, il salto elevato, velocità e lentezza si alternano. Le posizioni statiche sono molto solide, i ritmi chiaramente definiti e i colpi molto precisi. »
Quote Istituto di Wushu della Città di Firenze – http://www.wushufirenze.com/ChangQuan.html

La pratica del Wushu include lo studio delle 4 armi tradizionali – bastone, sciabola, spada e lancia – le forme di gruppo ed i combattimenti prestabiliti.

Info ed orari: http://www.orienteolistica.it/wushu-arte-marziale-cinese/

Corso di Taiji Chen tradizionale di Chenjiagou – scuola Oriente, Livorno

No Comments
Cortile della Casa del Gran Maestro Zhu Tiancai, Chenjiagou - Henan, Cina
Cortile della Casa del Gran Maestro Zhu Tiancai, Chenjiagou – Henan, Cina

Dal 15 Settembre sono molto felice di iniziare a guidare la pratica del Taiji Chen presso il CENTRO OLISTICO ORIENTE ASD di Livorno.
Per il primo anno ho pensato ad un lavoro che si concentri e perseveri prima di tutto sui fondamentali del Chansigong, portando avanti pian piano l’allenamento dei fondamentali e dei gruppi di movimenti tratti dalla Laojia Yilu per il pugilato, e dalla sequenza di Sciabola 13 movimenti per l’arma corta.
Il programma in dettaglio è disponibile in pdf.
Grazie a Fabio Smolari – Serpentebianco per l’aiuto.

陈氏太极拳 il pugilato Taiji dello stile Chen

No Comments
Allenamenti a Chenjiagou (Henan - Cina) cortile della casa di Zhu Tiancai, Agosto 2011

Allenamenti a Chenjiagou (Henan – Cina) cortile della casa di Zhu Tiancai, Agosto 2011

Dal 15 Settembre sono molto felice di iniziare a guidare la pratica del Taiji stile Chen presso il CENTRO OLISTICO ORIENTE ASD di Livorno.
Per quanto riguarda il pugilato, per il primo anno ho pensato ad un lavoro che per lo meno fino a metà percorso si concentri e perseveri prima di tutto sui fondamentali del Chansigong. Dunque, in concomitanza con la ripresa dei seminari mensili di Fabio Smolari c/o l’Istituto di Wushu della Città di Firenze, portando avanti pian piano l’allenamento dei gruppi di movimenti tratti dalla Laojia Yilu.

Dopo il ritorno in Italia ad Aprile del nostro insegnante – il Maestro Zhu Xiangqian (XX generazione Chenjiagou) figlio di Zhu Tiancai (XIX generazione Chenjiagou) il corso sarà impostato nel fortificare ed assimilare al meglio le nozioni (molte) che avremo appreso dei primi mesi di pratica, costruendo solide basi per la prosecuzione della pratica del Chen.

Infine ritorneremo sui nostri passi iniziali ed apprenderemo e memorizzeremo la sequenza didattica Laojia in 13 movimenti per la nostra pratica di gruppo o singola.

Come pratica con le armi tradizionali inizieremo a studiare le armi corte: sempre partendo dai fondamentali ci concentreremo sullo studio della Sciabola, ed approfondiremo con pazienza i fondamentali ed i gruppi di movimenti di Spada.
Il programma in dettaglio è disponibile in pdf.
Grazie a Fabio Smolari – Serpentebianco per l’aiuto.

Esami di cintura – ASD Oriente 25/06/2014

No Comments

10857382_1397530267230292_6385215000248381237_o

Una galleria di foto dell’esame e della consegna di cintura e diploma nella bella e luminosa sala dell’ASD ORIENTE a Livorno. Claudia e Simone esaminano i bambini ed i ragazzini dei corsi e consegnano loro la cintura ed il diploma a sigillare una bella annata di pratica del Wushu.

Check it out!!!

11084203_1397527537230565_4024841135928344144_o
11084142_1397529770563675_2334110952556821603_o
11084142_1397526367230682_521139438179794904_o
11084092_1397527057230613_8134068373099463701_o
11083998_1397526290564023_9185003312384262023_o
11083940_1397524797230839_5900291351223953276_o
11083806_1397525960564056_6187109111062337272_o
11083764_1397526247230694_3714421683996854333_o
11083708_1397531120563540_3928721012679991774_o
11083688_1397533430563309_1121505134955198153_o
11082465_1397533357229983_6233594985686939087_o
11082465_1397528160563836_3323654999578030747_o
11082452_1397528253897160_3553166465069079217_o
11082402_1397528937230425_7306416122232800006_o
11082339_1397525737230745_4054831507962756364_o
11082288_1397525017230817_4346485195874808021_o
11081316_1397525893897396_1679585920785637320_n
11080894_1397528583897127_8179661838327593162_o
11080836_1397528887230430_8815375175541661592_o
11080793_1397526140564038_5805103463140649444_o
11080787_1397533900563262_5294738377383182418_o
11080739_1397526977230621_8203949241373077573_o
11080739_1397525883897397_5969815362134540247_o
11080717_1397525410564111_7200660712142555946_o
11080709_1397534320563220_3861298491401205569_o
11080684_1397534170563235_5290131692431054731_o
11080677_1397526877230631_2198458278638108447_o
11080656_1397524790564173_1948631828433380348_o
11080645_1397526713897314_7545703889808729214_o
11080615_1397526900563962_4560527114156615887_o
11080435_1397529487230370_8937938957597339507_o
11080403_1397529447230374_9181649046388055428_o
11080397_1397530100563642_5940935083089307735_o
11080395_1397528313897154_4101791468936930665_o
11080395_1397527857230533_6778076160339097790_o
11080379_1397527730563879_556525633620644635_o
11080378_1397528203897165_3284820599691558217_o
11079539_1397525490564103_6187514438357459709_o
11079503_1397527947230524_2133387330808755249_o
11075029_1397525767230742_2279329432684382640_o
11072662_1397526573897328_6450943567128744826_o
11071819_1397530357230283_5619722770319789371_o
11071819_1397528320563820_3504568299005666824_o
11071804_1397528443897141_749865131087352271_o
11070547_1397527910563861_2021157002409876278_o
11069741_1397527557230563_4804027091562102584_o
11068048_1397526793897306_1400910849729573432_o
11067501_1397533807229938_8351831820458642796_o
11060857_1397530180563634_7201974479658245705_o
11060857_1397528683897117_2705742318707692286_o
11059908_1397525610564091_2684914131504743561_o
11058446_1397527337230585_5215835202200904527_o
11057942_1397527207230598_2121105966432052234_o
11054512_1397529517230367_1627532940644680092_o
11054456_1397526123897373_4397185417001688036_o
11054456_1397525723897413_5033724008751431040_o
11053562_1397529403897045_4529321609508247118_o
11053402_1397527237230595_1070106845380266608_o
11053377_1397525193897466_4964675069191548099_o
11052502_1397527583897227_1961147744773693457_o
11043451_1397529727230346_3228541315624729827_o
11039809_1397534327229886_2779514241533931968_o
11038140_1397529270563725_8445369670873003547_o
11036216_1397529290563723_6393852250204822645_o
11022560_1397526800563972_1998841405060003284_o
11021403_1397524907230828_6127004051857047173_o
11021288_1397530323896953_475290231703883423_o
11013510_1397530410563611_6104086020959949792_o
11012759_1397533693896616_7910982086426317368_o
11009879_1397525817230737_2799718550220300303_o
11009125_1397533477229971_4186197901815677061_o
11004571_1397529320563720_7213866397390884571_o
11002686_1397529090563743_8443147589752456057_o
11002669_1397530743896911_2322776653970322626_o
11001559_1397524787230840_2560686224796640393_o
11000538_1397529853897000_4400667467748752280_o
10999013_1397527977230521_5855210133149450788_o
10997163_1397530217230297_4696089599131064167_o
10996902_1397528330563819_6099459493978583746_o
10996354_1397526817230637_8396093117569369395_o
10996354_1397525990564053_2560644979087536866_o
10987487_1397534307229888_5808791211572452564_o
10987418_1397525313897454_460374364737437936_o
10985019_1397527163897269_1606224806570814044_o
10982572_1397525450564107_2233005542965518400_o
10960298_1397527363897249_8834383274428300603_o
10959066_1397527080563944_6076788945093707246_o
10959065_1397534047229914_4245443482987403579_o
10955097_1397527033897282_5221818000085701687_o
10927171_1397526170564035_1420532507599075993_o
10926840_1397529070563745_1112773787293308570_o
10914813_1397527760563876_3908748529497733329_o
10896191_1397525153897470_6572020027192955515_o
10873028_1397525173897468_2208444054512454779_o
10869654_1397524887230830_4149066347574169268_o
10869627_1397533980563254_7306110787868958126_o
10869627_1397526587230660_4792688480370415084_o
10869407_1397525580564094_6464514951356722454_o
10866238_1397524890564163_7585060940694023865_o
10866178_1397529947230324_645121083636482149_o
10865803_1397525827230736_7697869801833065237_o
10864004_1397527290563923_7562545455465273098_o
10863940_1397530720563580_6154154759813234935_o
10860885_1397530537230265_1273949523181393649_o
10857382_1397530267230292_6385215000248381237_o
10857158_1397527490563903_4731504911460546110_o
10857134_1397534450563207_2728862533298235185_o
10857134_1397534103896575_6625338772291636307_o
10856785_1397528797230439_3594640329316866706_o
10847419_1397530050563647_2709754309665011571_o
10845690_1397525267230792_313384107301667779_o
10845637_1397526480564004_7385566012908534584_o
10842238_1397530130563639_5735852235849645347_o
10841933_1397529980563654_1735979970214634760_o
10838152_1397533860563266_2413597386572940781_o
10838152_1397525000564152_7955157245028224263_o
10835378_1397526603897325_8667452860397920115_o
10835341_1397534213896564_5525164885863816421_o
10835327_1397525287230790_4817081516853670116_o
10830719_1397529567230362_4764552753880528637_o
10750170_1397528747230444_9040426443132058640_o
10733875_1397528550563797_7884233929563452821_o
10712687_1397530633896922_3309579866627461874_o
10712687_1397524990564153_7188038308037478997_o
10699811_1397528470563805_9165815219611077135_o
10688302_1397527893897196_7915207628477932808_o
10668917_1397528657230453_1320814371939022024_o
10661935_1397526727230646_3220841649320862755_o
10661701_1397528187230500_6296529678705186871_o
10658582_1397534470563205_4660958483807861977_o
10633200_1397533653896620_1723647765205119398_o
10633200_1397530463896939_4594233375070775610_o
10623545_1397527000563952_5703134445757759394_o
10603995_1397528767230442_2527085094907036019_o
10557141_1397526687230650_428703559913238663_o
10541861_1397533543896631_5652971279779336814_o
10535597_1397525970564055_2355744443284173390_o
10515280_1397528490563803_3063837878941539963_o
10498633_1397528047230514_3593744403569277292_o
10498476_1397529623897023_8186504908627754033_o
10479166_1397528020563850_7307473625601224689_o
10475610_1397527523897233_3428227706853875919_o
10448687_1397534163896569_7218193605257925603_o
10443239_1397526883897297_950155735591146871_o
10397187_1397527800563872_6887349523865690401_o
10397169_1397527673897218_655849993150087929_o
10359067_1397528710563781_3358308523957959111_o
10353521_1397529380563714_7597524191251835009_o
10339519_1397525683897417_5858350809804366002_o
10333524_1397530900563562_2608695219442641384_o
10275418_1397528097230509_7978114066817257783_o
10257925_1397533947229924_2382017079813384171_o
10257779_1397530777230241_2141938882593961181_o
10257440_1397533307229988_6024827618668770238_o
10257440_1397529683897017_2975284881831354116_o
1973887_1397526423897343_7077924286930570002_o
1961008_1397527413897244_1254578385032339084_o
1941469_1397532773896708_6863873194803084355_o
1941469_1397528957230423_5897538301511778007_o
1939957_1397528827230436_8570369091512618293_o
1932593_1397527113897274_3100704563159431366_o
1926211_1397526040564048_8265248287718731290_o
1655786_1397534063896579_5619642510674697894_o
1597857_1397529810563671_4986740702628410187_o
1504248_1397526253897360_8214785740047784973_o
1504248_1397525623897423_1383788159521569906_o
1274663_1397529137230405_1453750630821092801_o
905759_1397529047230414_4989663501542675048_o

 

Carnet autoriprodotti ed autoediti

No Comments

Carnet autoriprodotti ed autoediti

Alcune copie dei Carnet che ho riprodotto ed autoedito in occasione dell’ultimo Rendez-vous di Clermont-ferrand sono disponibili. Tutti i Carnet contengono un libretto interno rimovibile con le trascrizioni dei testi dei taccuini. I carnet giapponesi (Lisboa em Azulejos, The Drifter) sono rilegati a mano su copertina rigida in similpelle o stoffa. Anche la piegatura delle pagine degli album giapponesi (a fisarmonica) e l’incollaggio delle varie parti è fatto a mano.

L’edizione, autoprodotta e realizzata, è limitata, numerata e personalizzata.

Portugal – Carnet de Voyage

Carnet di viaggio sul Portogallo (Cascais, Praia do Guincho, Lagos, Sagres), riproduzione del taccuino originale su Moleskine album acquerello, copertina morbida, brossura. Libretto interno removibile con la trascrizione dei testi. Pagina dedicata (in Inglese) https://www.xiulong.it/Xiuart/?p=1697

Portugal - Carnet de Voyage, Watercolor Album: Lagos
Portugal - Carnet de Voyage, Watercolor Album: Lagos
A Fortaleza de Sao Jorge
Forte Sao Jorge Don Oitavos - Cascais
Portugal - Carnet de Voyage, Watercolor Album. Brossura, copertina morbida.
Portugal - Carnet de Voyage, Watercolor Album. Brossura, copertina morbida.
Portugal – Carnet de Voyage

*********

 Lisboa em Azulejos – Carnet de Voyage Japanese Album.

Riproduzione del primo dei due taccuini giapponesi Moleskine che ho dipinto a Lisbona, in stile “Azulejos”. Copertina rigida in finta pelle blu fatta a mano, rilegatura e piegatura delle pagine “a fisarmonica” a mano, libretto interno rimovibile con la trascrizione dei testi. Pagina dedicata (in Inglese) https://www.xiulong.it/Xiuart/?p=1697

Lisboa em Azulejos - Carnet de Voyage Japanese Album. Handmade hardcover and Japanese folding.

Lisboa em Azulejos - taccuino giapponese. Copertina rigida in finta pelle.
Lisboa em Azulejos - taccuino giapponese. Copertina rigida in finta pelle.
Lisboa em Azulejos - taccuino giapponese. Copertina rigida in finta pelle.
Lisboa em Azulejos - taccuino giapponese. Copertina rigida in finta pelle.
Lisboa em Azulejos - taccuino giapponese
Lisboa em Azulejos - taccuino giapponese

Lisboa em Azulejos

********

The Drifter – Carnet d’étude et experimentation

The Drifter – taccuino giapponese, copertina rigida in tela, piegatura e rilegatura “a fisarmonica” fatta a mano. Libretto interno rimovibile con la trascrizione dei testi. Pagina dedicata (in Inglese) https://www.xiulong.it/Xiuart/?p=1792

The-Drifter - taccuino giapponese
The-Drifter - taccuino giapponese
The Drifter - Carnet, taccuino giapponese. Copertina rigida e rilegatura a mano
The Drifter - Carnet, taccuino giapponese. Copertina rigida e rilegatura a mano

 

The Drifter - taccuino giapponese. Il taccuino aperto
The Drifter - taccuino giapponese. Il taccuino aperto
The Drifter - taccuino giapponese. Il libretto removibile con la trascrizione dei testi del taccuino
The Drifter - taccuino giapponese. Il libretto removibile con la trascrizione dei testi del taccuino

 

The Drifter

Portugal, verão 2012

Lisboa em Azulejos - Carnet de Voyage on Japanese Moleskine
No Comments

With so much delay, some set of pictures we’ve taken in Portugal last Summer.

Enjoy!!!

Stampare un taccuino ad acquerello: PrintPageOrder_WatercolorMoleskine_1.2

No Comments

Logo Free Pascal
Logo Free Pascal
Essendo alle prese con la riproduzione dei miei taccuini ad acquerello, ho dovuto tentare di capire come poterli riprodurre a mezzo stampa e fronte retro.

Il problema “pratico” era capire, una volta in possesso di una scansione delle singole pagine del taccuino, quale fosse l’ordine di stampa per la serie di facsimile in fronte, e dunque in retro.

Una volta intuita la sequenza di stampa del taccuino sulla Cina del 2005, ho pensato di realizzare una piccola applicazione in Free Pascal che potesse poi tornarmi a fagiuolo per le altre moleskine.

Metto a disposizione il programma per chi ne potesse aver bisogno. Per poterlo far girare/modificare avete bisogno di scaricare ed istallare un compilatore Pascal; io uso Free Pascal: http://www.freepascal.org

PrintPageOrder_WatercolorMoleskine_1.2.

Per eseguire il programma, fate girare l’eseguibile (printpageorder-watercolormoleskine.exe) e per ottenere la lista di stampa basta inserire il numero totale di pagine del taccuino da riprodurre.

printpageorder-watercolormoleskine screenshot
printpageorder-watercolormoleskine screenshot

I Fratelli Liang – cento asini e centomila parole, da Ilario Fiore “Mal di Cina”

No Comments

I fratelli Liang: cento asini e centomila parole

Aveva dipinto un bufalo al guado e una ragazza che dalla sponda guardava una fòlaga scappar via volando verso ovest. Aveva dipinto anche un asino che giaceva brucando con la testa voltata all’indietro. Il gruppo dirigente della Rivoluzione Culturale aveva incluso i due quadri della mostra degli ” Artisti Reazionari “. L’autore fu accusato di voler corrompere la gioventù cinese istigandola al “culto dell’Occidente”. L’anitra che volava verso il sola al tramonto e l’asino con la testa girata sull’erba erano sinonimo di antisocialismo, di nostalgia del passato capitalista, di cattiva volontà verso il regime dell’Oriente Rosso.
Presero non solo i quadri del bufalo e dell’asino ma tutti quelli che potettero rinvenire e glieli esposero, per poi distruggerli con i coltelli sul piazzale di Tian An Men sotto le gradinate del Palazzo del Popolo; privato di ogni cosa, Huang Zhou fu mandato per sette anni in una Comune agricola nei dintroni di Pechino. All’inizio doveva raccogliere i liquami dei pozzi neri nella città vecchia, riempirne all’alba una botticella e, pedalando sul triciclo, trasportare il carico a quasi trena chilometri dal centro. “Sei un’artista del popolo?” – gli domandarono enfaticamente. Il povero artista deriso e inerme li guardò senza capire e gli squadristi rossi risposero per conto suo: “Allore d’ora in poi servirai il popolo!”.
Dalla raccolta degli escrementi notturni, rendendosi conto dell’infamante e stupida crudeltà inflittagli, lo trasferirono poi ad un’altra attvità. Il generale dell’esercito – Huang Zhou come pittore era distaccati presso il locale museo delle forze armate – lo avevano assegnato alla fabbricazione del formaggio di soia e il pittore suo amico fu incaricato di andarlo a vendere. Gli dettero un asino e un carrettino e per anni Huang Zhou, ammalatosi per gli stenti, l’umiliazione e il distacco dalla moglie e dai due figli, girò per i quartieri di Pechino con suo Platero grigio ed il carico di merce preziosa. Uscivano all’alba con i pacchettini di formaggio di soia e tornavano verso sera, stanchi morti tutti e due. Di lui, del suo asino, l’artista cinese avrebbe potuto dire come Juan Ramon Jimenez diceva di Platero: ” E’ piccino, peloso, soave. Lo chiamo dolcemente e lui viene verso di me, trotterellando allegro che sembra che rida. Gli piacciono i mandaranci, l’uva moscatello e i fichi scuri con la loro cristallina goccia di miele. E’ tenero e giocherellone come un bambino, però forte e secco di dentro, come di pietra o di acciaio”.
L’asinello di Huang Zhou aveva imparato a conoscere i bisogni e le abitudini del padrone. Rincasando alla Comune, il pittore si addormentava sul carretto e la bestia faceva tutto da sola. Sapeva attraversare i semafori col verde fino all’incrocio col Ponte di Marco POlo, dove sull’angolo di sinistra c’era una specie di osteria. Conoscenfo il gusto padronale per il moutai, si fermava cominciando a ragliare per svegliare Huang Zhou e dirgli che era tempo per il quotidiano bicchierino di grappa cinese di sorgo. Quando i ragli non bastavano, Platero si metteva di traverso col carretto e rinculando lentamente andava a sbattere contro il muro e la piccola scossa serviva da sveglia per il padrone. Al bicchierino di moutai, naturalmente, corrispondeva una zolletta di zucchero o un cartoccio di cibo messo da parte proprio per lui. Un giorno, l’incubo finì e Huang Zhou tornò a casa. Mesi dopo recandosi alla Comune per ritirare alcune cose rimaste, incontrò l’asinello che, come lo vide, si fermò sul ciglio della strada incurante degli incitamenti e delle frustate del nuovo partner, per salutare amodo suo l’ex venditore di formaggio. Riconosciuto e festeggiato con una bordata di ragli. HUang Zhou si commosse, corse ad abbracciarlo, affettuosamente gli parlò come al testimone della sua lunga sofferenza.
Quel giorno nacque Huang Zhou come pittore di asini, il più famoso pittore di somari di tutta la storia dell’arte cinese.
Nella tradizione della pittura dalle dinastie Sung e Tang in avanti, ci sono stati pittori divenuti celebri per aver dipinto cento cavalli come Xu Beihong, cento buoi, cento anatre, cento farfalle o cento gamberi come Qi Baishi. Ma nessuno aveva mai dipinto i cento asini di Huang Zhou: l’originale dello scroll fu regalato da Deng Xiaoping all’imperatore Hirohito durante la visita in Giappone; una sua aquila fu portata da Hua Guofeng al maresciallo Tito e un branco di bufali fu dato dallo stesso Deng al presidente Carter in occasione del suo viaggio negli Stati Uniti.
Prima di quella che lui chiama “la disgrazia”, Huang Zhou, il cui vero nome è Liang Huang Zhou, era già uno dei migliori artisti della sua generazione, essendo nato il 12 Aprile 1925 in una cittadina della provincia di Hebei.
Dopo la “seconda Liberazione” – com’è definita la caduta della Banda dei Quattro – egli è l’artista prediletto di Pechino, per la sua bravura di artista e la sua cristallina onestà di uomo, ma anche per la riconoscenza dovuta a uno che ha sofferto come lui.
E’ tornato al suo posto al mueso dell’Esercito, l’hanno nominato vice presidente dell’Accademia e ha riavuto il suo studio. Eletto consigliere comunale per l’arte e l’ambiente, il suo ritratto di Zhou Enlai è quello ufficiale esposto nel museo della Rivoluzione. Nel suo modesto appartamento, al secondo piano di un blocco di residenze per dirigenti di partito e di governo, celebriamo la festa dell’incontro con l’effusione cinese e il giusto grado di calore latine che l’occasione merita. Huang Zhou mi abbraccia quando scopre che siamo nati entrambi in un Anno del Bue. Si allontana, va a prendere da uno scaffale l’ultimo libro della sua pittura e me lo dedica con un saggio da esperto calligrafo, definendomi suo ” Fratello in età”. Qual è il suo ultimo lavoro? Un’altra serie di cento asini: quella di prima era lunga quindici metri e alta quaranta centimetri, e gli asini in realtà erano soltanto novantasette. Con lui si parla sempre del suo animale preferito, che è anche il più popolare in tutta la Cina. Di lui e dei milioni di Platero che ne popolano le campagne è anche, credo, il massimo esperto del mondo. Possiede un’intera biblioteca di libri sull’asino, conosce i poemi che nei secoli sono stati scritti sulla bestia amica e fra i tanti mi cita l’apologo sul celebre ” Asino del Guizhou “. Dalla storia risulta che gli asini arrivarono in Cina molto tempo dopo i cavalli e i bufali. Il primo sarebbe appunto l’asino del Guizhou, la provincia del sud-ovest che si trova sull’itinerario seguito dalle carovane di mercanti in arrivo via India dai paesi arabi del Medio Oriente. Un giorno, secondo l’apologo, l’asino stava al pascolo in una radura presso il fiume. Dal bosco uscirono le tigri alla cui vista il ciuco preso dal terrore si mise a ragliare. Non conoscendo lo strano animale, le tigri fuggirono. Tornate il secondo giorno, quando le vide avvicinarsi, il somaro cominciò a scalciare preparandosi a un’inutile difesa. E anche questa volta le tigri scapparono nella foresta. Ma il terzo giorno, decise a chiarire la presenza dell’intruso, avanzarono con cautela e, dopo averlo circondato, se lo mangiarono in un sol boccone. “Io e te – disse Huang Zhou – siamo come l’asino del Guizhou, in effetti non poteva salvarsi. Come lui lavoriamo molto e mangiamo poco, ci accontentiamo di nulla e alla fine, dopo tanta fatica, non riusciremo nemmeno a sopravvivere!”.
La moglie che conosce un po’ d’inglese è l’interprete che gli spiega come in casa io tenga appesa da anni un suo quadro da me battezzato ” Madre col bambino”: la ciuchina, che allatta l’asinello e la testa bassa mezzo voltata all’indietro, se lo guarda con tenerezza e una luce negli occhi che soltanto le donne incinte prossime madri possono avere. Il paragone lo diverte perchè lui una vera madre col bambino l’ha dipinta secondo un modello manieristico d’influenza rinascimentale europea. Huang Zhou, infatti, è uno dei pochi pittori cinesi moderni nella cui opera si possono ritrovare elementi di una sintesi di valori comuni. La luce, l’uso dei colori, la tecnica del contrasto e il senso della prospettiva sono gli stessi che emergono dai suoi quadri, in maggioranza acquarelli, come da quelli degli artisti occidentali. Il gesto della madre e i calcolati rigonfiamenti del suo abito ricordano più il Tintoretto che il suo maestro Zhao Wangyun, o i classici Tang da lui studiati in gioventù.
Gli intelletuali cinesi colpiscono sempre gli europei per la finezza della loro educazione, che nasconde molto bene il loro complesso di superiorità passivo, distinguibile molto bene da quello attivo dei francesi. Quale pittore italiano, che non sia mai statop in Cina, saprebbe citare conversando tre nomi di grandi artisti cinesi del passato come Huang Zhou che parla di Leonardo, Michelangelo e Raffaello, non dimenticando, dei contemporanei, maestri come Chagall e il mio amico Joan Mirò? Ecco dove nasce l’incanto di questo grande pittore e signore del sentimento che è Huang Zhou.
I suoi asini, come i cavalli di De Chirico, hanno i quarti di nobiltà nell’armoniosa bellezza dei loro movimenti sempre uguali e sempre diversi. Con la differenza che sono tutti dipinti su rotolo di carta di seta, non a olio ma a inchiostro, con abile mescolanza delle tinte, più difficile essendo fissarle sulla seta che sulla tela. Un critico, Shen Zongqian, ha scritto in un saggio dedicato a Huang Zhou: ” Il potere trasformante del suo inchiostro è appena visibile, com euna leggera foschia, quando è applicato su uno strato molto sottile; è lucido e brillante come un paio di grandi occhi concentrati; stranamente elusivo e iridescente quando l’inchiostro è adoperato con un pennello asciutto, mentre gocciola di colore se usato con un pennello bagnato; limpido come uno stagno d’autunno, luminoso come una collina in primavera, splendido come un fiore di mattino, delicato come fili d’erba nella rugiada dl campo. E mantiene il suo lustro negli anni, anche quando il passare del tempo avrà consumato la sua seta”.
Huang Zhou, naturalmente, ha dipinto migliaia di asini. Dice con modestia: ” Ne ho ritratti almeno tremila, eppure ogni volta che ne vedo uno vivo capisco l’inutilità del mio lavoro”. La sua umiltà di artista è disarmante, come avvincente risulta la generosità di uomo. La leggenda dei suoi cento asini è nota in tutta la Cina e anche fuori, da Tokio a New York. I suoi l’luìi sono riconosciuti a prima vista dai visitatori dei musei e delle gallerie di stato, non c’è ancora un cinese entrato a casa mia che, puntando lo sguardo verso gli asinelli del quadro, non pronunzi con rispetto il suo nome. Huang Zhou, a proposito della sua ” Madre col bambino ” dalle fattezze rinascimentali, fa notare che sul fondo ci sono due piccoli asini e rami di albicocco in fiore, volendo con ciò sottolineare la tipica ricorrenza dei motivi tradizionali della pittura cinese.
I suoi tremila asini sono dipinti in corsa nella steppa del suo amato Xinjiang o stesi sull’erba rada dei pascoli della provincia di Hebei, soli o in grupppo nel villaggio vicino a Tientsin, in fila indiana davanti a un passaggio a livello chiuso della ferrovia per Shenyang. La testa abbassata per fendere meglio il vento; gli occhi semichiusi nella luce dell’altipiano del Pamir dove dipinse uno dei suoi capolavori, ” Tempesta di neve nel deserto”; lo sguardo teneramente protettivo della madre; le grandi orecchie lunghe del ciuco addormentato; l’ubriacante teoria dei cento quadrupedi da soma senza basto e il forte stato di grazie dell’asino solo davanti al muro della Comune: sono infinite le pose dei modelli preferiti di Hiang Zhou, il qiadle non riesce, e non tenta nemmeno più, di spiegare criticamente la sua scelta. Si capisce che l’amore per il Platero del carrettino di formaggio di soia non fu improvviso, aveva radici misteriose, era gonfio di sentimenti inesprimibili.
Ecco un pittore che non dipingerebbe mai l’asino di Buridano incapace di scegliere. Quelli di Huang Zhou non sono inerti nè abulici di fronte alla realtà della terra cinese. Non hanno l’espressione ingrata o ignorante o sottomessa; sono vivi, uno diverso dall’altro, nascono da poche pennellate maestre per poi assumere connotati inconfondibili nella delicata sfumatura dell’inchiostro, sempre amabilmente vitali come qualcosa di piacevole che si stampa nella memoria. ” Quando lo guardo dal vero – dice ancora – mi sento punto dal dubbio di non aver saputo esprimere tutto quello che c’è in un asino!”. Come tradurre la sua forza di resistere alle avversità del clima della Cina del nord, la sua capacità di accompagnare l’uomo dietro l’aratro, la sua umiltà di compiere qualsiasi lavoro senza impuntarsi, come gli orgogliosi cavalli, e spesso solo per una manciata di paglia.
Abbiamo passato una giornata intera in mezzo ai suoi asini. Dopo aver girato senza una meta precisa tutte le campagne delle Comuni attorno a Pechino siamo arrivati in un tardo pomeriggio di fine inverno sulla strada di montagna che porta alla diga sovrastante le tombe Ming. Cercavamo asini da ore e ore. All’improvviso, dopo una ripida curva, nel vallone di un falsopiano, ne abbiamo scoperti a centinaia. Nel freddo vento siberiano, spalla a spalla, con le teste puntate a terra alla ricerca di un filo d’erba, gli asini aspettavano il loro pittore e poeta. Huang Zhou è sceso di macchina in silenzio e per un tempo interminabile si è nascosto in mezzo a loro. Li ha fotografati, li ha sbozzati, sui fogli di carta del suo album da lavoro, li ha accarezzati, forse uno ad uno dal primo all’ultimo. In mezzo a loro il suo volto si trasfigura come esposto a una mutazione quasi genetica e certamente sentimentale. L’ho guardato a lungo da lontano: la sua testa grossa, il suo corpo tozzo, capigliatura nera, mano robusta come il corpo guarito dopo anni di tribolazioni, occhio scuro intenso e, alla cinese, di palpebre sottili; si muoveva lentamente, senza accorgersi di noi e del mondo.
Come nel disordine del suo studio quando lavora, c’era da osservarlo in silenzio. De Chirico ha riportato i cavalli allo splendore della leggenza mitologica; Huang Zhou, vittima della moderna figlia di Erostrato incendiario della ” biblioteca di Alessandira”, sii’latra parte civile del pianeta, ha salvato ormai gli asini della distruzione delle tigri. Ha inserito gli asini nella sua costellazione e in quella della moltitudine dei suoi fratelli.

Abita a Tientsin in una delle vecchie row-houses della ex-Concessione inglese, l’ultima di una fila di quelle casette in mattoni rossi a due piani, scala e largo passamano di legno scuro, due alberi nel minuscolo giardino fra il cancelletto e l’ingresso, che si vedono nelle cittadine delle Midlands, esportate nell’epoca coloniale in tutti i quartieri europei dell’impero. Sen Guoyin, sua moglie, donna sorridente con due rari occhi rotondi neri e ballerini, aspetta sulla porta per condurmi di sopra, nello studio dove la visita improvvisa interrompe il suo lavoro, il secondo capitolo del nuovo romanzo cui si dedica da pochi giorni. Nel vicoletto cieco, un gruppo di bambini spara i botti rimasti dalla Festa delle Lanterne, l’equivalente cinese del nostro carnevale. A cinquanta metri, dalla strada principale, il traffico di primo pomeriggio è scarso; nello hutong è silenzio fitto dopo che i ragazzini hanno esaurito i mortaretti; il cileo di Tientsin, per un’ora, è pulito dallo smog che prende alla gola i passanti, sereno di pastello intenso, nella doppia luce dell’orizzonte terso fino al mare di Xingang.
Liang Bin mi accoglie da amico senza conoscermi. E’ più basso di Huang Zhou, ma la testa grossa è la medesima con una differenza. In confronto alla folta capigliatura del fratello pittore famoso, questa è rasata, da monaco buddista, orecchie grandi segno di longevità, naso abbastanza sviluppato per un cinese, sguardo penetrante di chi sa muoversi con attenzione e osservare con diligenza. Gli porto i saluti di Huang Zhou da Pechino: vivono a cento chilometri di distanza ma si vedono di rado. E’ dal maggio scorso, quando Liang Bin ha fatto un viaggio apposta per andarlo a trovare e adessoa Pechino c’è il figlio maggiore ospite dello zio. Questa estate sarà il turno di Huang zhou di venire a Tientsin. Presidente della locale federazione degli scrittori ed artisti, più vecchio di lui di undici anni, è autore rinomato e pittore a tempo perso, dice, ” per non rubare il mestiere a mio fratello”.
I due fratelli Liang, ecco la più celebre coppia di famiglia cinese, come De Chirico e Savinio a Roma, o William e John Faulkner a Oxford, Mississippi, con mestieri alleati, uno pittore e uno scrittore, o viceversa. Savinio, nel suo ultimo mutismo di pietra, qualche volta pensò di esser pittore anche più bravo di De Chirico; John Faulkner, una sera che avevamo asciugato fino all’ultima goccia la bottiglia di gin nella taverna sulla piazzetta, dedicandomi un suo romanzo sconosciuto, ” Un dollaro di cotone”, dopo avermi venduto un quadro a prezzo d’affezione, scappò a dire che se avesse fatto solo lo scrittore avrebbe bagnato il naso del fratello. Liang Bin scrive libri e poi dipinge fiori astratti dando ai suoi scrolls titoli bellissimi, dove si vede che lo scrittore domina la tela con caratteri calligrafici ricchi d’ispirazione. Gli racconto la storia delle coppie di fratelli artisti che ascolta col sorriso buono a mezza bocca, cerca uno dei suoi romanzi che Huang Zhou gli aveva fatto le illustrazioni, come per dimostrarmi gentilmendte che i fratelli cinesi non si fanno concorrenza, ma non lo trova.
Aggiunge che durante la Rivoluzione Culturale – sempre quella – ne fecero un’edizione levando i disegni del fratello condannato dalle Guardie Rosse.
E’ uomo sereno e scrittore di talento, robusto e delicato, forse per merito della sua biografia drammatica come quella di tuttii cinesi della sua generazione. Nato nel 1914 in un villaggio di contadini poveri vicino a Baoding, la vecchia capitale dell aprovincia di Hebei, Liang Bin dimostra più anni di quelli che ha, contrariamente alla maggioranza dei cinesi. E questo si deve alla sua salute poco buona e alle traversie di un’esistenza avversa: guerrigliero antigiapponese, commissario politico dell’Undicesimo Distaccamento, prigioniero del Kuomintang, qui finito dopo la battaglia di Tientsin nel gennaio 1949 contro le truppe nazionaliste, come ce l’ha raccontata l’ex-generale Tu Tienshi. Sono trent’anni che non si muove da questa casa silenziosa ma, come il protagonista del suo romanzo preferito, ” Stirpe di insorti”, non è mai riuscito, dice, “a tagliare le radici dell’albero della nostalgia per la sua terra”.
Parliamo per ore saltando da un argomento all’altro, l’America di Faulkner e Steinbeck, la Russia di Solgenitzyn e Simonov, le rivolte contadine cinesi che sono il suo tema di fondo, e quando ne parla la moglie Guoyin intercala il suo racconto con piccoli scoppi di risate gentili.
Anche nel matrimonio i due fratelli Liang si assomigliano. Huang Zhou sposò Cheng Wen Huei studentessa a Langzhou, quando lui teneva lezione di storia dell’arte all’Istituto del Gansù. E come Liang Bin sposò la sua lo racconta, dicendo che aveva scoperto per caso questa giovane “novantesima discendente del dottor Sen” di confuciana memoria. Fu durante la guerra civile nella parte nord della provincia di Hupei, al confine con l’Henan, nella Cina centrale. E’ una regione di foreste fitte e di corsi d’acqua impetuosi che si buttano nello Yang-Tzè; sulla riva destra del fiume c’era un villaggio di venti famiglie che di cognome facevano tutte Sen, da quello storico dottor Sen, mandarino potente sotto una delle dinastie degli Stati Combattenti, che nella vicina città di Sianyang aveva svolto funzioni di Primo Ministro.
Sen è un cognome oggi rarissimo in Cina e Liang Bin è contento di una moglie così, che lui conobbe bambina da partigiano alla macchia. I suoi genitori erano poverissimi contadini e “il Commissario”, che spesso si rifugiava nella loro casa di mattoni di fango secco, li aiutò perchè facessero studiare la figlia: a guerra finita, tornato al villaggio e ne ripartì con Guoyin come moglie. Un matrimonio felice con quatto figli e un approdo tranquillo dopo tante avventure legate al sanguinoso cammino della rivoluzione.
La favola della novantesima discendente del dottor Sen appare nel romanzo citato, “Stirpe di insorti”, dove Guoyin è descritta nei panni di Chunlan, una bambina che divora i libri e Liang Bin è Yan Yuntao, ufficiale comunista al seguito della “Spedizione Nord”. Come molte delle sue opere, anche questa è in parte autobiografica, e racconta dei contadini cinesi degli anni Trenta in lotta contro i proprietari terrieri difesi dalle “Camicie Blu”, i nazionalisti di Chiang Kai-shek. L’ambiente è quello del villaggio povero dominato dalla famiglia del landlord di padre in figlio.
“Anno dopo anno di inondazione e carestia, li forzavano a vendere fino all’ultima stanza, fino all’ultimo mu di terra”, scrive Liang Bin all’inizio del romanzo. “Era arrivato l’autunno, ma non c’era il carbone nel villaggio, nemmeno pagli anelle stoppie. Il fiume in piena schiumeggiava nella campgna aperta e il vento soffiava da nord-est. Nessuna famiglia aveva vestiti per l’inverno. Seduto sulla piazza davanti al tempio, Zhou Laogong si sfregava le ginocchia per riscaldarsi e sbadigliava dalla fame. L’aria gelida che veniva dal fiume Hutuò, dopo la diga delle Mille Leghe, sbatteva a terra le foglie rosse e gialle dei pioppi e a mezz’altezza galleggiavano i fiori bianchi della saggina”.
Liang Bin ha una pagina vera ma ispirata, un linguaggio ricco di iperboli contadine, di tono dolce-forte, inciso nel sangue povero e nel ricco humus della sua terra. Un po’ il Pavese de “La luna e i falò” e un terzo dello Steinbeck di “Furore”, secondo me, ma Pavese è il suo parente più prossimo. Glielo dico e Liang Bin si apre con lo stesso sorriso a cielo aperto del fratello Huang Zhou, in pittura come in letteratura rovesciano la stessa fantasiosa energia di artisti popolari, di origine contadina. Gli asini, i cammelli, i bufali sono quasi travasati con segli di scrittua altrettanto potenti dei colpi di pennello a inchiostro colorato. E dalla medesima sorgente vengono le espressioni proverbiali dei personaggi di Liang Bin.
“Zhou Laogong e Feng Lanchi intendevano battersi fino a che il coltello non venisse fuori rosso”, dice per spiegare una lotta all’ultimo sangue. Il suo dialogo è secco e colorito insieme. Un “vedremo, vedremo” è espresso col detto interlocutorio “Il fango ai piedi si vede sucendo dal fiume”. Un bambino che fende la folla “cercava la strada nel mucchio come un’anguilla nella sabbia”. Il vecchio genitore ha un viso simile a “una foglia gialla d’autunno”. Dice al figlio di non vendere l’ultimo mu di frutteto (un mu è il terzo di un ettaro) perchè “la terra è la radice della vita per la gente povera come noi”. Nel villaggio di salici e piopppi piegati dal vento, Zhou era “un vero figlio del suolo dei suoi avi, se perdeva le staffe somigliava al tuono in primavera”. Le donne dei suoi romanzi sono magre e sconsolate, misurano la loro grigia esistenza sulla crescita degli alberi attorno alla capanna. “Il mio sangue è come l’olio di una lampada, tutto consumato dalla nostalgia”, esclama la vecchia che assiste alla rivolta contro l’imposizione di una nuova tassa sulla macellazione suina. “Non è uno scherzo essere donna – continua – la prossima volta che nascerò, domanderò al re dell’Inferno che cosa sarò, e se mi dirà donna sceglierò di rimanere un fantasma nel limbo…”.
Liang Bin scrive all’ultima pagina della sua saga storico-sociale: “Invecchiando negli anni, i contadini appassivano, la pura lotta per l’esistenza finiva per uccidere in loro ogni sentimento. Diventavano spogli come vecchi alberi privati della pioggia di primavera e della rugiada dell’autunno. Zhou alzò gli occhi al cielo. Sulla sparsa distesa celeste nuvole dense si ammucchiavano e subito cambiavano forma nel vento. Pensando alla grande causa si disse con un sorriso esultante: – Che meraviglia! Hanno lasciato tornare la tigre alla montagna. – E quelle sue parole anticipavano l’onnipotente uragano che presto avrebbe spazzato tutta la pianura fino al grande fiume”.
Le giornate di lavoro di Laing Bin sono ordinate ma non monotone. Si alza presto la mattina, “quando a He Ping Lu – dice – non hanno ancora aperto la bottega”. Scrive quattro ore fino all’ora di pranzo, su fogli di carta di riso con le righe, nello studio dove la seconda metà del tavolo enorme è coperta da piante e fiori e alberi nani. I tre lati della stanza sono scaffalati da terra al soffitto con tutti i libri a portata di mano. Nel pomeriggio invece della siesta esce per la passeggiata, va all’ufficio dell’Unione Scrittori a sbrigare le pratiche, a vedere gli amici e a leggere i giornali. Oggi l’ho trovato a casa perchè è domenica, e la sorpresa non poteva essere più gradevole: “Un italiano che vive a Pechino amico di mio fratello!”. Ha il faccione buono invaso dal sorriso. “I cinesi si sono aperti su mondo e voi italiani, da Marco Polo in avanti, siete sempre stati gli amici fedeli della Cina; anche adesso – aggiunge – siete fra i primi a soddisfare il nostro desiderio di conoscere quel che succede fuori di casa nostra”. Mi irngrazia di esserlo andato a trovare e del lavoro che facciamo per diffondere nei rispettivi paesi le immagini e il racconto degli sforzi dei popoli per progredire in pace.
Così basso e tarchiato, il grosso crano quasi lucido, le spalle forti e larghe da contadino, anche nella parlata assomiglia a Huang Zhou. Parla adagio e filtra concetti molto asciutti. Anche in ciò è un cinese diverso, perchè i cinesi parlano a periodi lunghi, come se non sapessero l’uso della punteggiatura; intervistandoli, non si sa ai quando interromperli. E hanno dei giri di parole, delle sfumature di linguaggio, a seconda dei toni di ogni carattere che li costringono a ripetersi, intercalando esclamazioni, legando una frase all’altra con interiezioni di risposta. Sembrano come interlineature di un discorso unico, dicono all’oimprovviso “te-te-te”, o “caì-caì-caì”, “alà-alà-alà” che vanno per tutto, affermazioni, negazioni, conclusioni. Per questo Liang Bin che non ha un discorso tutto d’un fiato piò sembrare un taciturno e quando parla, Sen Guoyin e il figlio minore stanno ad ascoltare “il Commissario” come se fosse la prima volta che sentono dire certe cose.

Anche i suoi gesti lenti sono carichi di significato. Adesso si alza, cerca in un mucchio di scrolls arritolati un suo quadro e si fa aiutare dalla moglie a stenderlo, mentre il figlio gli porta la ciotola dell’inchiostro di china e il pennarello, e ci scrive sul lato destro, dall’alto in basso, la dedica. Nello studio si fa silenzio, aspettiamo che l’inchiostro si asciughi e ci guardiamo in faccia con un sorriso reciproco lungo, come un fotogramma fisso. Alla fine, prima di riavvolgerlo, mi spiega il titolo del quadro: “Buove bianche che escono dalla montagna”. Sono dei fiori di loto capovolti che sendono da un fondo nero sfumato, come di pastello. Dice che piacciono ai suoi amici guapponesi e americani quando passano da Tientsin. Me lo consegna e dice: “Così sarai il solo straniero in Cine ad avere appesi alla stessa parete i quadri di noi due fratelli!”. Lo abbraccio, pensando a quella frase di Unamuno ne “Il senso tragico della vita” che dice: ” Un uomo di carne e sangue, che è nato, soffre e muore, un uomo che è visto e udito, il fratello il vero fratello”.

Il bar di Helga

Thanks to : http://mercatoliberonews.blogspot.it/2012/11/il-bar-di-helga-ecco-spiegata-la-crisi.html

retrieved today 07/08/2012 at 13:35

 

Helga è la proprietaria di un bar, di quelli dove si beve forte.

Rendendosi conto che quasi tutti i suoi clienti sono disoccupati e che quindi dovranno ridurre le consumazioni e frequentazioni, escogita un geniale piano di marketing, consentendo loro di bere subito e pagare in seguito. Segna quindi le bevute su un libro che diventa il libro dei crediti (cioè dei debiti dei clienti).

La formula “bevi ora, paga dopo” è un successone: la voce si sparge, gli affari aumentano e il bar di Helga diventa il più importante della città.

Lei ogni tanto rialza i prezzi delle bevande e naturalmente nessuno protesta, visto che nessuno paga: è un rialzo virtuale. Così il volume delle vendite aumenta ancora.